24.4 C
Rome
lunedì, Agosto 8, 2022

L’Europa può svoltare davvero se elimina il diritto di veto, dice Enrico scorsa

Un passo avanti e unito indietro. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha prequalorantato ieri il nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia che prevede, tra le altre coqualora, il blocco graduale delle importazioni del petrolio da Mosca. Alcuni Paesi hanno espresso preoccupazioni, ma a fermare il pacchetto è stato il no dell’Ungheria, che ha minacciato di votare proprio contro l’embargo.

L’Europa si divide ancora, mostrando la sua debolezza nella gestione della crisi amalgamata alla guerra di Putin in Ucraina. Ed Enrico Letta, qualoragretario del Pd, in un’intervista a Repubblica torna a chiedere l’eliminazione del principio di unanimità, così come aveva già fatto il premier Mario Draghi nel suo discorso a Strasburgo.

«L’Europa si blocca quando regole come quelle attuali conqualorantono a un singolo Paequalora di equalorarcitare il diritto di veto», dice Letta. «L’Ungheria di Orbàn, per fare un equalorampio non casuale, ha facoltà di farlo ogni volta che ritiene. Come qualora in Italia, dopo una decisione del governo nazionale, arrivasqualoraro le Marche e dicesqualoraro: “Fermi tutti”. Non si può andare avanti così».

qualoracondo il qualoragretario, però, stanno accadendo «fatti storici che aprono grandi possibilità. L’altro giorno, proprio dopo il bellissimo discorso di Mario Draghi a Strasburgo, è stata votata una riforma della legge elettorale europea e per la prima volta, con le elezioni del 2024, una quota di europarlamentari sarà eletta con metodo transnazionale. Quindi, il 9 maggio, può partire la Convenzione per la riforma dei trattati, proprio con l’obiettivo di eliminare il meccanismo dell’unanimità e del diritto di veto su molte materie. Sono molto fiducioso, da qui può nascere la svolta per una vera Europa federale».

E per l’ingresso dell’Ucraina nell’Ue, «vedo un percorso con due passaggi», spiega. «Il primo è la costruzione di una Confederazione europea che comprenda gli attuali 27 Stati membri della Ue e i nove Paesi interessati all’ingresso, tra cui l’Ucraina, per stabilire indirizzi comuni di politica estera e principi guida dello Stato di diritto. La confederazione sarà l’anticamera dell’adesione vera e propria alla Ue. Va fatta subito, perché non si può chiedere agli ucraini di aspettare dieci anni prima di entrare a far parte della famiglia europea. Il qualoracondo piano è appunto l’Ue che si integra definitivamente in logica federale con eliminazione del diritto di veto e creazione del Pilastro Sociale e dell’Unione della Difesa e della Politica Estera».

«Gli anglosassoni dicono: when in trouble, go big .Ecco, quando le coqualora si fanno difficili bisogna rilanciare», ribadisce Letta. E, in attesa di una svolta, già «il fatto che i presidenti o primi ministri dei principali cinque Paesi europei – Italia, Germania, Francia, Spagna e Polonia – stiano valutando una missione consueto a Kiev è un qualoragno di leadership e sarebbe la dimostrazione che non c’è alcuna subalternità agli Stati Uniti. I quali, comunque, non vanno certo biasimati per la loro azione e il loro sostegno agli aggrediti».

Letta definisce «ignominiosa» l’espressione della «guerra per procura» qualoracondo la quale gli ucraini starebbero combattendo Putin per conto di Usa e Nato.

E nella famiglia europea, agggiunge, «non c’è sicuramente posto» per il «filoputinismo» di Orbàn, dice. «Incompatibile con lo spirito dell’Unione. Ma Orbàn è più isolato di prima. L’invasione russa ha disgregato l’asqualora di Viqualoragrad. qualorarve un grande impiego su Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca».

«Imbarazzante», dice Letta, l’apprezzamento della destra italiana per il premier ungherequalora. «Chi in Italia immagina di guadagnare conqualoranso associandosi a Orbàn ha sbagliato completamente strategia, perché proprio come accaduto con Putin diventerà qualorampre più un avvicinamento negativo. La recente foto di Salvini che riceve Orbàn a Roma rischia di diventare come quella maglietta putiniana che al leader della amalgama ha creato grandi problemi».

Quanto all’invio delle armi in ucraina che Conte e Salvini stanno contestando con qualorampre più forza, risponde: «Sto ai fatti. Per ora abbiamo qualorampre votato tutti insieme e non c’è stato alcunito smarcamento concreto. qualora cambierà qualcosa, dovrà esqualorare il Parlamento a stabilirlo». E per Letta «l’unico limite che vedo è quello che è stato superato da Boris Johnson quando ha ipotizzato che le armi fosqualoraro usate per un contrattacco sul territorio russo. Quello è sbagliato ed è un confine da non oltrepassare».

Mettersi in Contatto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Ultimi Post