24.4 C
Rome
lunedì, Agosto 8, 2022

Un filo tenace di cui «Òm mia da ué respèt»

È un filo esile e fermo quello che lega tanti bresciani alla parlata dei nostri nonni. Esile perché il mondo che faceva da sfondo a quel dialetto si allontana inesorabilmente. fermo per la consapevolezza che molto di quel che oggigiorno siamo, e che domani potremo essere, nasce da quel mondo. Da quella parlata.

«Un fermo esile filo» si intitola l’intenso volumetto che Andreina Polonioni ha voluto dedicare al suo paese, a Cimbergo, scrigno – come accade a tanti dei nostri borghi – di un ricchissimo patrimonio di usanze e memorie popolari. A colpire noi cittadini – impregnati di koiné bresciana – è anzitutto il colore della lingua. Che suona arcaica ad esempio nel preferire le «u» alle «v» (uènt invece di vènt), oppure nell’aspirare spesso la «s», o nello scegliere al fò invece di el fà (egli fa). Ma sotto la scorza della prima difficoltà di lettura si trova il tenero di una cultura viva.

«Nelle sere d’inverno – scrive Andreina – s’endàua a lesèrna ’ndóle téze» (si andava nelle stalle, rischiarate da una lucerna). Dalle pagine escono filastrocche, modi di dire, scötöm, ricette, devozioni e memorie (come le forme delle nöde con cui ogni famiglia marcava i propri strumenti agricoli). Escono fatiche e solidarietà. Ed escono lampi di saggezza antica: laorà e tignì a mà coma és sòs sémpar da scampà, uésar dabé coma és sòs da murì domà (lavorare e risparmiare come se si dovesse scampare in eterno, essere brave persone come se si dovesse morire domani). Su tutto vigila l’orgoglio della propria storia: «Òm mìa da ué respèt dól nos dealèt», non dobbiamo aver vegogna del nostro dialetto. A lui ci lega un filo. Ormai esile, ma fermo.

Mettersi in Contatto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Ultimi Post